Che cosa è MMA (Mixed Martial Arts)

Con l’acronimo MMA s’identifica da un po’ di tempo un vero e proprio sport da combattimento, il cui regolamento andatosi a modificare negli anni, consente un pieno contatto fra i contendenti, dando loro la possibilità di utilizzare sia tecniche di percussione sia di lotta.

E’ possibile, infatti, applicare leve, strangolamenti, prese di sottomissione, sollevamenti protagonisti di sport quali la lotta greco-romana, tanto quanto esibirsi in calci, pugni o colpi che di solito si possono ammirare nel pugilato o sul ring di una qualsiasi altra arte marziale.

Un po’di storia

Per comprendere appieno che cosa è MMA è necessario percorrere rapidamente la storia di questo movimento che affonda le proprie origini addirittura nell’antica storia Ellenica, poiché proprio nel 648 a.C. fu introdotta per la prima volta la disciplina del Pancrazio, nella quale non si confrontavano solamente pugili e lottatori, ma a ogni atleta era concessa la possibilità di utilizzare ogni tecnica pur di sconfiggere l’avversario, una sorta di scontro all’ultimo sangue legalizzato.

Trascorsero quasi 1000 anni prima che l’imperatore Teodosio bandisse questa manifestazione, assieme alle festività pagane, di fatto, facendola sparire dalle cronache fino al 1900, quando nelle colonie del Nord America, ripresero a confrontarsi la nobile arte della boxe con quella della lotta, in forme in parte erudite.

Altri anni trascorrono ed ecco che a cavallo degli Anni 60 e 70 il mito di Bruce Lee, introduce il concetto di flessibilità nella figura del combattente. Il confronto sportivo non era più fine a se stesso e la preparazione, l’allenamento non era più concentrato su una sola tecnica, bensì aperto a tutto ciò che era utile ed efficace, tralasciando il resto. C’è chi assegna al leggendario attore (e non solo) la chiave per capire veramente che cosa è MMA.

Un po’di regole

Al netto di un’esponenziale crescita di atleti, pubblico e attenzione mediatica intorno al mondo delle Arti Marziali Miste, si è reso necessario unificare e conformare le regole dei vari incontri per cercare di facilitare la visione e la conoscenza di questo mondo anche a chi non ha ancora chiaro che cosa è MMA.

3 Round della durata di 5 minuti ciascuno (negli incontri validi per il titolo i Round diventano 5), 3 giudici che alla fine tramite un punteggio valuteranno ogni atleta, categorie di peso, divieto di calci e ginocchiate alla testa di un avversario a terra, divieto di gomitate di punta con movimento discendente. Per portare a casa la vittoria, necessario il Ko o la resa (per tap-out) del rivale, se non ci si vuole affidare all’insindacabile giudizio del punteggio finale.